IL PUNTO SUL TRASPORTO AEREO IN ITALIA

VUOI RICEVERE UN’ANALISI PERSONALIZZATA?     RICHIEDILA

Continua il trend positivo del trasporto aereo in Italia: 174.628.241 passeggeri (in aumento del 6,2% rispetto al 2016), 1.364.564 movimenti (decollo o atterraggio in un aeroporto) e 1.090.923 tonnellate di merce e posta trasportate (trasporto cargo aereo in aumento del 9,2% rispetto al 2016). Questi i dati resi noti nella recente relazione annuale dell’Ente nazionale per l'aviazione civile (ENAC) relativi al trasporto aereo in Italia, che sottolineano la crescita e lo sviluppo di questo settore strategico per l’economia nazionale.

ristorazione italia

 

Nella sezione Ateco 2007 riferita al “trasporto e magazzinaggio” la divisione 51 e la classe 52.23 includono le attività economiche che si occupano del trasporto aereo di passeggeri o merci e i servizi a esso connessi. In questa analisi del trasporto aereo nazionale andremo ad approfondire caratteristiche e peculiarità delle imprese che lo compongono.

La distribuzione territoriale del settore è fortemente correlata alla collocazione dei principali aeroporti d’interesse nazionale, con il Nord Italia decisamente in primo posizione con circa il 46,4% delle attività (il 30,7% nel Nord-Ovest e il 15,7% nel Nord-Est), seguito dal Centro con il 35%, il Sud con il 10,4% e infine le Isole con l’8,2%.

A livello regionale circa un’azienda su due (il 53,2% del totale) si trova tra il Lazio (il 27,5% in provincia di Roma) e la Lombardia (il 12,8% in provincia di Milano, il 5,5% in provincia di Varese e il 2,5% in provincia di Bergamo). Il restante 46,8%, invece è frammentato tra le altre regioni,  dove, molto lontane dalle prime due, si segnalano il Veneto (6,3%), la Sicilia (6%), l’Emilia-Romagna (5,8%), la Campania (4,1%), il Piemonte (4,1%) e la Toscana (con il 3,6% delle attività).

Le oltre 600 attività del settore, si dividono tra il trasporto aereo generico (11,4%), i relativi servizi connessi (52,7%), il trasporto aereo di passeggeri (33,9%) e il trasporto di merci (2%). In particolare nel ramo del trasporto passeggeri è interessante il rapporto tra la percentuale dei voli charter, panoramici e turistici (19,8%) rispetto a quella dei voli di linea (12,3%).

Il tessuto imprenditoriale si caratterizza per una forte eterogeneità e varia in base allo specifico ambito d’attività. Da un lato, infatti, le aziende di trasporto sono prevalentemente di grandi e medie dimensioni, nell’87,3% dei casi società di capitali o forme assimilabili. Dall’altro le imprese di servizi si differenziano per l’ampia presenza di micro e piccole imprese, nel 88% dei casi società di capitali.     

Le imprese, di cui si conosce il fatturato (il 52,7% del totale), si attestano prevalentemente in fasce di fatturato medio-alto: il 12,2% in quella 1.000.000 – 4.999.999 €, il 4,4% in quella tra 5.000.000 – 9.999.999 €, il 6,8% nella fascia 10.000.000 – 49.999.999 €, l’1,6% nella fascia di fatturato 50.000.000 – 99.999.999 € e il 3,2% nella fascia di fatturato uguale o superiore a 100 milioni di euro (di cui uno 0,5% oltre il miliardo di euro).

Nella “top ten” delle imprese che operano nel trasporto aereo in italia con il fatturato più alto troviamo:

1) Alitalia Linee Aeree Italiane Spa

2) Alitalia Società Aerea Italiana Spa

3) Aeroporti Di Roma Spa

4) Enav Spa

5) Spa Esercizi Aeroportuali S.E.A.

6) Air Italy Spa

7) Neos Spa

8) Livingston Spa

9) Blue Panorama Airlines Spa

10) Cargolux Italia Spa