LA FELICITA' IN UN VIAGGIO. UNO SGUARDO AL SETTORE TURISTICO IN ITALIA.

VUOI RICEVERE UN’ANALISI PERSONALIZZATA?     RICHIEDILA

 

Anche quest’anno a Fieramilanocity torna dal 10 al 12 febbraio la Borsa Internazionale del Turismo, storica manifestazione che dal 1980 porta nel capoluogo meneghino operatori turistici e viaggiatori da tutto il mondo. In occasione di questo importante evento proponiamo uno studio del settore turistico italiano, asset strategico per lo sviluppo economico del nostro Paese.

settore turistico

 

Le oltre 390.000 realtà imprenditoriali del settore, che pesano sul totale nazionale per poco più dell’8%, appartengono per l’82% ai servizi di ristorazione (circa il 36,1% sono bar e altri esercizi simili senza cucina). Le imprese del comparto ricettivo sono il 13,9% (il  6,5% sono alberghi e strutture simili), mentre il restante 4,1% è la quota delle attività dei tour operator e delle agenzie di viaggi (l’1,5% sono agenzie viaggi).

La distribuzione territoriale del settore, se si escludono le Isole (9,5%), è sostanzialmente omogenea tra le diverse macroaree: il 25,4% nel Nord-Ovest, il 21% nel Nord-Est, il 22,3% nell’Italia centrale e il restante 21,8% al Sud. La Lombardia con il 14,4% è la regione con la più alta concentrazione di operatori (di cui circa il 5% nella provincia di Milano). Completano le prime dieci posizioni: Lazio (11%), Campania (9%), Veneto (8,1%), Emilia-Romagna (7,8%), Toscana (7,4%), Piemonte (6,7%), Sicilia (6,6%), Puglia (5,9%),  Liguria (3,8%) e Trentino-Alto Adige (3%).

In particolare il settore ricettivo è maggiormente presente in Trentino-Alto Adige, regione italiana con la più alta densità di strutture (il 10,8% del totale). Seguono nell’ordine: Toscana (10,4%), Lazio (10,2%), Emilia-Romagna (9%, di cui il 4% in provincia di Rimini), Campania (8,2%) e Lombardia (8,1%). A livello urbano, invece, la più alta concentrazione si ha nelle città d’arte come Roma (7,8%), Firenze (1,8%), Venezia (1,7%), Napoli (1,4%) ma anche in città legate al turismo d’affari come Milano (1,9%) e Torino (0,6%).

Il tessuto imprenditoriale del settore è caratterizzato in larga parte da piccole realtà imprenditoriali, per il 47,2% ditte individuali e per il 28,3% società di persone o forme assimilabili. Sul fronte occupazionale quattro imprese su cinque impiegano meno di 5 dipendenti e nel 70,4% hanno una compagine a prevalenza maschile.

Le imprese di cui si conosce il fatturato si attestano per il 10,6% nella fascia 100.000 - 499.999 €, per il 3% nella fascia 500.000 - 999.999 €, per il 2,2% nella fascia 1.000.000 - 4.999.999 € e per lo 0,2% nella fascia 5.000.000 – 9.999.999 €. Agli estremi della distribuzione troviamo un 5,3% che fattura al di sotto dei 100.000 € e solo il restante 0,1% che ha invece un fatturato annuo superiore ai 10.000.000 €.

Nella “top ten” delle aziende con il maggior fatturato troviamo:


1) Viajes El Corte Ingles Sa
2) Autogrill Spa
3) Alpitour Spa
4) Camst Coop Albergo Mensa Spettacolo E Turismo Scarl
5) Cooperativa Italiana Di Ristorazione Soc Coop
6) Pellegrini Spa
7) Sodexo Italia Spa
8) Mcdonald'S Development Italy Llc
9) Elior Ristorazione Spa
10) Gemeaz Elior Spa