BENESSERE ED ESTETICA: I NUMERI DI UN SETTORE CHE VUOLE RIPARTIRE

VUOI RICEVERE UN’ANALISI PERSONALIZZATA?     RICHIEDILA

Il settore dei servizi alla persona è stato uno tra i più colpiti dal protrarsi della crisi sanitaria, costringendo molte realtà imprenditoriali a cessare la propria attività nel 2020

 

benessere ed estetica

 

Barbieri, parrucchiere, centri estetici e centri benessere, infatti, hanno risentito in maniera forte delle misure di contenimento della pandemia adottate a livello centrale e regionale. In particolare, gli operatori del beauty, pur essendo rimasti aperti, hanno visto il proprio fatturato ridursi in maniera drammatica. Il divieto di spostarsi dal proprio Comune di residenza, anche per esigenze legate ai servizi alla persona, infatti, ha avuto ripercussioni notevoli sul giro d’affari di moltissime di queste attività.
In questo studio settoriale analizzeremo le imprese che hanno come codici Ateco 2007 il 96.02

e il 96.04.1, ovvero le categorie relative ai servizi dei parrucchieri, dei centri estetici e dei centri per il benessere fisico.

 

Le attività del settore del benessere e del beauty

In Italia sono presenti oltre 146mila imprese del settore del benessere e dell’estetica, che pesano sul totale nazionale delle “altre attività di servizi per la persona” per circa il 74,2%. Molto alta è anche la loro densità: in media, infatti, è presente un operatore ogni circa 413 abitanti.

La distribuzione in base alla classificazione merceologica evidenzia una realtà composta in ampia parte da saloni di barbieri e parrucchiere (il 68,4% del totale). Minore, invece, la percentuale degli istituti di bellezza (26,2%), dei centri per il benessere fisico  (2,4%) e dei servizi di manicure e pedicure (1,6%).

La distribuzione geografica del settore del benessere e del beauty in Italia

La distribuzione territoriale delle imprese, se si escludono le Isole (8,4%), è sostanzialmente omogenea tra le diverse zone della penisola: il 28% si trova nel Nord-Ovest, il 19,7% nel Nord-Est, il 21,3% nell’Italia centrale e il restante 22,6% al Sud, macroarea dove pesano in particolar modo Campania e Puglia, regioni dove complessivamente si concentrano il 15,6% delle aziende nazionali del settore.

La Lombardia con il 17% delle imprese è la regione con la più alta concentrazione di operatori, seguono Lazio con il 10,1% (di cui il 5,3% a Roma), Campania (8,8%), Veneto (8,4%),  Piemonte (8%), Emilia-Romagna (7,6%), Toscana (6,7%), Puglia (6,5%), Sicilia (6,1%) e  Calabria (3%).  Nelle ultime posizioni troviamo Umbria (1,6%), Trentino-Alto Adige (1,6%), Basilicata (0,8%), Molise (0,6%) e Valle d’Aosta (0,2%).

Le caratteristiche del tessuto imprenditoriale

Il tessuto imprenditoriale del settore è formato in larga parte da microimprese, ovvero con un numero di dipendenti inferiore alle dieci unità e un fatturato o totale di bilancio non superiore a 2 milioni di euro l’anno.

Il contesto organizzativo ha visto uno sviluppo a partire dagli anni 2000. La percentuale delle imprese del settore nate negli ultimi venti anni, infatti, è del 70,9%.  Interessante anche il trend delle nuove imprese, che nell’ultimo anno ha fatto registrare una contrazione (-16%), passando dalle 8672 imprese del 2019 alle 7284 dello scorso anno.

Se si va ad analizzare la forma legale, emerge come circa  l’82% delle popolazione sia una ditta individuale, il 12% una società di persone e il 6% una società di capitali. Tra quest’ultime è significativa la percentuale delle società a responsabilità limitata (3%) e di quelle a responsabilità limitata semplificata (2,5%).

Infine, le imprese, di cui si conosce il fatturato, si attestano prevalentemente nelle fasce medio-basse: lo 0,5% nella fascia inferiore ai 10.000 €, l’1,2% nella fascia 10.000 – 49.999 €, l’1,1% nella fascia 50.000 – 99.999 € e l’1,7% nella fascia 100.000 – 499.999 €. Sono poche, al contrario, le realtà imprenditoriali che dichiarano un fatturato tra i 500.000 – 999.999 € (0,2%) o superiore a 1.000.000 € (0,1%).

Nella classifica delle imprese del settore con il fatturato maggiore troviamo:

  • STO Italy Srl 
  • Trilab Srl
  • QC Terme Roma Srl
  • Floriba Srl
  • Terme Milano Srl
  • QC Terme Torino Srl
  • Klaudia Kof Srl
  • Madica Srl
  • Epilate Srl
  • Hair Land Parruchieri Srl