Partita I.V.A. Italia

La partita IVA è un insieme di 11 numeri, che servono a identificare in modo non equivoco la società o la persona fisica a cui la stessa è intestata.
I primi sette numeri consentono di collegare la partita IVA al contribuente specifico, mentre i tre numeri che vengono subito dopo, corrispondono ad un codice identificativo riferito all’ufficio delle entrate. L’ultima cifra della sequenza, la quale resta immutata per tutta la durata dell’esercizio dell’attività, ha solo una funzione di controllo. La partita IVA risulta obbligatoria per i lavoratori autonomi che presentano un reddito superiore ai 5.000 euro annui.
La procedura per l’ottenimento della partita IVA consiste nel presentare un modulo all’Agenzia delle Entrate, il quale deve essere consegnato entro 30 giorni dall’inizio dell’attività per la quale si richiede la partita IVA stessa. Il metodo più classico per inoltrare il modulo risulta essere la consegna fisica del documento presso l’ufficio apposito dell’Agenzia delle Entrate. La domanda tuttavia, può anche essere presentata via internet oppure attraverso un raccomandata A/R.

A partire dal 2016 esistono solamente due regimi fiscali, quello ordinario e quello agevolato. Il primo regime è obbligatorio per tutti coloro che superano un reddito annuo di 310.000 euro, mentre quello agevolato può essere utilizzato dai lavoratori con meno di 35 anni, il quale ha una durata di 5 anni e può essere prorogato fino al sopraggiungere del limite di età.
Nel caso in cui si desidera chiudere la propria attività, è necessario inviare una comunicazione all’Agenzia delle Entrate entro 30 giorni dalla cessazione della stessa. In Italia le aliquote IVA sono attualmente tre: quella del 4 % che si applica ai beni di prima necessità, la seconda che ammonta al 10 % riguardante i servizi offerti in ambito turistico ed infine la terza del 22 % applicabile a tutti i prodotti o servizi per i quali non si adottano le altre due. I titolari di partita IVA hanno la possibilità di dedurre dalla dichiarazione dei redditi tutte le spese legate alla propria attività.

Verifica la partita IVA di tutte le aziende italiane.