Codici RAE e SAE

Tutti i report iCRIBIS contengono un’anagrafica sull’azienda che oltre a:

  • la forma dell’impresa;
  • lo stato dell’attività;
  •  la data di registrazione;
  •  il codice ATECO;

include i codici RAE e SAE. 
Meno conosciuti dei codici ATECO o NACE, servono a classificare le imprese in relazione all'attività economica svolta ed in base ad istruzioni emesse dalla Banca d'Italia (anche in osservanza di normative internazionali). Vediamoli nel dettaglio:

Cosa sono?
Codici RAE
RAE è un acronimo che sta per Ramo Attività Economica.
É una codifica numerica a 3 cifre definita dalla Banca d´Italia che intende allinearsi a quella NACE-Clio per uniformare contabilità reale e contabilità finanziaria.  Utilizza come dati di partenza:

  • codice di attività economica Ateco
  • codice SAE.

Codici SAE
SAE è un acronimo che sta per "Sottogruppo di Attività Economica  in  cui  si  esplica  l’attività dell’ente (l’impresa o un altro soggetto economico). L’elenco dei codici SAE è diffuso a cura della Banca d’Italia ed è visibile qui:

A cosa servono?
In passato esistevano molti tipi di codificazione usati per classificare le imprese in base alle attività economiche da esse svolte. Con il passare del tempo si è andati verso una classificazione standard unica che è la codificazione ATECO, con lo scopo di semplificare e uniformare gli adempimenti a carico delle imprese.
I codici RAE e SAE sono tra le ultime varianti ancora valide a livello nazionale alternative ai codici ATECO.

A chi servono?
Sono ad uso delle banche che nel comunicare alla Banca d'Italia i dati relativi ai propri "clienti" devono fornirne l'identità con parametri oggettivi ed uniformi nell'ottica di un mappatura sul territorio del rischio economico. 

Come si ottengono?
I codici RAE e SAE si ottengono utilizzando come dati di partenza i codici merceologici della classificazione ATECO.
Vi sono dei casi in cui il codice SAE non è attribuito poiché i parametri a disposizione non sono sufficienti per la codifica, ma anche dei casi in cui non è stato possibile attribuire il RAE perché il codice di attività comportava una attribuzione RAE troppo discrezionale.